Il fatto è che la vita non si spiega
né con la biologia
né con la teologia.
La vita é molto lunga
anche quando è corta
come quella della farfalla—
la vita è sempre prodiga
anche quando la terra non produce nulla.
Furibonda è la lotta che si fa
per renderla inutile e impossibile.
Non resta che il pescaggio nell’inconscio
l’ultima farsa del nostro moribondo teatro.
Manderei ai lavori forzati o alia forca
chi la professa o la subisce. È chiaro che l’ignaro
è più che sufficiente per abbuiare il buio.

Eugenio Montale

 

The fact is life is not explained
by biology
or theology.
Life is very long
even when it’s short
like the butterfly’s—
life is always prodigal
even when the earth produces nothing.
Furious the struggle we put up
to make it useless and impossible.
All that’s left is fishing in the unconscious
the last farce of our dying theater.
I’d sentence those who practice it, or submit,
to hard labor or the gallows. It’s clear the ignorant
are more than sufficient to darken the darkness.

translated by Jonathan Galassi

This article originally appeared in The New Criterion, Volume 2 Number 10, on page 48
Copyright © 2017 The New Criterion | www.newcriterion.com
newcriterion.com/issues/1984/6/la-vita-in-prosa